Vai ai contenuti

OIPA - News sulle foche del Canada

Pubblicato il 11 years ago da Cati

dall'associazione HSUS

04/11/2006

L’OIPA ha appreso tramite contatti con l’associazione americana HSUS - The Humane Society of the United States, che il Governo canadese sta tentando di bloccare la possibilità di osservare, da parte di HSUS, la caccia alle foche sui ghiacciai canadesi.
La Humane Society of the United States condanna il recente annuncio, fatto dal Dipartimento canadese della Pesca e degli Oceani di voler porre maggiori restrizioni alla pacifica e legale “osservazione” della caccia alle foche per l’anno 2007.
HSUS crede che il passo sia un tentativo per celarne la crudeltà nella scia della chiusura dei mercati globali ai prodotti di foca.
Gli avvocati canadesi sostengono che il tentativo di bloccare l’osservazione della caccia viola la “Canadian Charter of Rights and Freedoms” (Carta Canadese dei Diritti e Libertà). L’avvocato penalista canadese Clayton Ruby ha detto: "gli oceani del Canada appartengono a tutti i canadesi. Se non ci sono osservatori, i canadesi possono essere tenuti all’oscuro della crudeltà di questa caccia. Questo è un chiaro esempio che il Governo offre più diritti all’industria che ai cittadini, senza badare alla loro posizione sulla questione della caccia”.
Nel corso degli anni il Governo canadese ha approvato restrizioni incostituzionali all’osservazione della caccia alle foche, ad esempio il requisito di mantenersi a 10 metri di distanza dai cacciatori, applicabile solo agli osservatori, non ai cacciatori di foche. All’inizio di quest’anno gli osservatori in viaggio con HSUS, incluso un giornalista dell’agenzia di stampa Reuters, sono stati accusati di essere entrati nei 10 metri di un vascello di cacciatori, furono quindi arrestati e si videro negati ulteriori permessi di osservazione. I cacciatori erano stati filmati mentre ripetutamente entravano nei 10 metri degli osservatori HSUS e mentre cercavano di urtare la loro imbarcazione ma in questo caso non gli furono addebitate violazioni.
I politici delle Newfoundland hanno difeso questa iniqua applicazione della legge presentando una falsa immagine degli osservatori (molti dei quali sono giornalisti indipendenti, parlamentari e scienziati), descrivendoli come “contestatori” e le pacifiche attività di fotografia e videoregistrazione delle uccisioni, come una “protesta” o “interruzione” della caccia.
La sola violenza verso le persone che sia mai avvenuta sulle banchise è stata quella dei cacciatori verso gli osservatori, e la violenza è aumentata saldamente nel corso degli anni. Giornalisti e parlamentari sono abitualmente assaliti fisicamente: vengono minacciati e molestati dai cacciatori sulla banchisa e gli episodi, alcuni dei quali hanno posto a rischio le vite degli osservatori, sono stati documentati a fondo, ma nessuna imputazione è stata posta ai cacciatori di foche coinvolti.
I gruppi a protezione degli animali credono che questo tentativo di coprire la brutalità della caccia alle foche sia in diretta risposta alla chiusura dei mercati globali ai prodotti di foca. Nel mese di Settembre, al Parlamento Europeo è passata la Dichiarazione Scritta n° 38/2006 per la messa al bando dei prodotti derivati dalla foca della Groenlandia a manto bianco (Canada) e di quella a manto grigio blu, ovvero cistofora crestata (Russia), firmata da un totale di 425 parlamentari, il più alto numero di firmatari per una Dichiarazione nella storia del nostro Parlamento Europeo.
Con oltre 1 milione di foche uccise negli ultimi 3 anni, la caccia alle foche in Canada è il più grande massacro al mondo di mammiferi marini. Gli esperti veterinari che hanno studiato la caccia negli anni recenti hanno concluso che vi è una sofferenza considerevole ed inaccettabile, e gli scienziati sostengono che gli attuali livelli di uccisione rappresentano una minaccia alla popolazione delle foche, particolarmente alla luce del potenziale impatto devastante dei cambiamenti climatici che stanno avvenendo sui ghiacci.
L’OIPA rinnova il suo impegno nel fare tutto ciò che è necessario per fermare questo crudele e inutile massacro e ringrazia tutti coloro che nei mesi scorsi hanno firmato la petizione on line rivolta ai membri del Parlamento Europeo in cui si chiedeva loro di firmare la Dichiarazione Scritta n°38/2006 presentata a norma dell'articolo 116 del regolamento da Carl Schlyter, Paulo Casaca, Karl-Heinz Florenz, Mojca Drcar Murko e Caroline Lucas sulla messa al bando dei prodotti derivati dalle foche nell'Unione europea.

Paola Ghidotti
OIPA International Campaigns Director

www.oipaitalia.com